Radio Cooperativa (mappe)
Uffici: via A. Da Tempo 2, 35131 Padova
Studio: str. Battaglia 89, 35020 Albignasego
STATUTO e REGOLAMENTO
Sostieni Radio Cooperativa
(detraibile)
Scrivi il
 EUR
contributo
Socio
Posta certificata
Facebook

Ascolta in streaming


Leggi il palinsesto

Palinsesto

VERSA IL TUO 5X1000 A FAVORE DI RADIO COOPERATIVA:
ASCOLTA COME FARE (COD. FISC. RADIO: 92278610289)
clic

Proposta

La mafia è una montagna di merda

Mafia merdaCarissimi amici di Radio Cooperativa. Martedì 4 maggio alle 20,50, la trasmissione Noncicredo, presenta un documento che vuole ricordare una data importante, il 9 maggio 1978. E' vero: è il giorno in cui il cadavere di Aldo Moro è stato trovato in via Caetani a Roma. Ma c'è un altro morto, ammazzato quella stessa notte, tra l'8 e il 9 di maggio del 1978, un morto meno conosciuto e anche meno ricordato. Quello di un ragazzo di trent'anni, che ha passato la sua giovinezza a ridicolizzare la mafia del suo paese, Cinisi, nei dintorni di Palermo. E' Giuseppe Impastato, da tutti conosciuto come Peppino.
Suo padre era uno degli affiliati alla "famigghia" del posto, quella di Gaetano Badalamenti, detto Tano. Già questo fa capire il coraggio di questo ragazzo, che si iscrive a Democrazia Proletaria e si candida al consiglio comunale e apre una radio libera, radio AUT, dalla quale racconta ai suoi concittadini ignari o conniventi, che preferiscono comunque girarsi dall'altra parte, tutto il marcio che la gestione di quel comune si porta appresso. Per questo ci pare di poter dire che, di tutti i morti che la mafia ha sparso nel nostro paese, lui possa essere il simbolo.
Ad ucciderlo sono gli sgherri di Tano Badalamenti, la cui responsabilità verrà ratificata dal tribunale sono oltre 20 anni dopo la morte di Peppino.
In questa puntata ci piace riascoltare un pezzo, che sei ragazzi di Vicenza hanno realizzato lo scorso anno, durante la prima fase del lockdown dovuto alla pandemia da Covid-19, riproponendo con le loro voci, alcuni dei brani che Peppino aveva trasmesso, nell'ultimo anno della sua vita, attraverso quella radio. Sono ragazzi giovani, "millenial", studenti delle superiori e, anche per questo, ancora più meritevoli del nostro ascolto e della nostra attenzione perché quello che per molti di noi sono ricordi, per loro sono solo pagine di storia.
Grazie dunque a Bianca, Elia, Francesco, Giulia, Nunzio e Sofia, per la sensibilità e l'impegno dimostrato.

Vi aspettiamo martedì 4 maggio alle ore 20,50

 
Amici di Radio Cooperativa
Associazione
USALO PER DESTINARE IL 5X1000
I nostri podcast
Abbonati: è gratuito!
ultimi podcast
clicca sull'immagine
Anticipazioni dai programmi